Legge Beckham
Tax|17 Gennaio 2024|

SPAGNA: guida alla nuova legge Beckham

Aggiornamenti normativi importanti arrivano dalla Spagna: sebbene le modifiche alla Legge sull’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche siano diventate operative il 1° gennaio 2023, la piena attuazione della nuova Legge Beckham è stata realizzata con il Regio Decreto 1008/2023, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale spagnola il 5 dicembre 2023.

Come noto, la Legge Beckham1 rappresenta sin dalla sua prima introduzione nel 2005, un’opportunità interessante per gli espatriati e i loro datori di lavoro: questo regime fiscale speciale consente alle persone che acquisiscono la residenza fiscale in Spagna di optare per l’applicazione della tassazione da non residenti per i primi sei anni, purché siano soddisfatte determinate condizioni.

Infatti, gli espatriati che acquisiscono la residenza fiscale in Spagna, possono beneficiare di un’aliquota fiscale ridotta del 24% sui redditi da lavoro dipendente (fino a 600.000 euro), con un’aliquota del 47% per la parte eccedente. In particolare, le plusvalenze, i dividendi e gli interessi ottenuti all’estero sono esenti da tassazione in Spagna. Tuttavia, l’imposta sul patrimonio (Wealth Tax) è applicabile, anche se solo sui beni situati in Spagna.

Il Regio Decreto 1008/2023 risponde alla necessità di adeguare il Regolamento sull’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPF) alle modifiche introdotte dalla Legge sulle startup in vigore dal 1° gennaio 2023. Ecco alcune tra le novità più significative:

  • vengono introdotte nuove categorie di beneficiari (es. imprenditori, amministratori di società);
  • vengono chiariti i termini per il trasferimento nonché le condizioni di esclusione/decadenza (individuale o collettiva) dal beneficio per i familiari al seguito;
  • viene introdotto un regime transitorio per coloro che hanno acquisito la residenza in Spagna nel 2023 a causa di un trasferimento nel 2022 o 2023: l’opzione per il regime può essere esercitata entro il 16 giugno 2024 (ossia entro 6 mesi dall’entrata in vigore dell’ordinanza ministeriale recante il nuovo Modello 1492 per l’opzione, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 15 dicembre 2023 con effetto dal 16 dicembre 2023).

È importante ricordare che i requisiti per accedere ai benefici fiscali della Legge Beckham sono i seguenti:

  • non si deve essere stati residenti in Spagna nei 5 anni fiscali precedenti;
  • il trasferimento deve avvenire nel primo anno di applicazione del regime o nell’anno precedente, come risultato di una delle seguenti fattispecie/situazioni:
a) persone che si trasferiscono in Spagna in virtù di un contratto di lavoro (o contratto di distacco) o per prestare i propri servizi a distanza come telelavoratori (nomadi digitali);
b) acquisizione dello status di amministratore di una società (senza alcun limite di partecipazione). Tuttavia, nel caso di una holding, l’amministratore non può detenere una partecipazione pari o superiore al 25%, ai sensi della Legge sull’imposta sul reddito delle società;
c) professionisti altamente qualificati che svolgono attività per le start-up, o che forniscono attività di formazione, ricerca e sviluppo;
d) persone che svolgono in Spagna un’attività qualificata come imprenditoriale. Il contribuente deve essere in possesso, prima del trasferimento, di una relazione favorevole rilasciata dall’ENISA, società pubblica incaricata di questo riconoscimento.

.
È importante notare che la Consultazione vincolante DGT 0777/19 stabilisce che se intercorre un periodo prolungato tra il trasferimento in Spagna e l’inizio del rapporto di lavoro, il requisito stabilito nella Legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche, articolo 93.31 b), non è soddisfatto e non si può optare per il regime speciale.

Anche i familiari, compresi i coniugi e i figli di età inferiore ai 25 anni, possono richiedere l’applicazione del Regime fiscale speciale, purché soddisfino i seguenti requisiti:

  • il trasferimento in Spagna deve avvenire simultaneamente con quello del lavoratore o, se successivo, entro il primo anno fiscale;
  • (i familiari) devono avere la residenza fiscale in Spagna. Non devono essere stati residenti in Spagna nei 5 periodi d’imposta precedenti e non devono ottenere reddito da stabili organizzazioni;
  • la base imponibile non deve essere superiore a quella del contribuente “principale” che richiede il regime.

In questo senso, il Regio Decreto elenca le cause di esclusione collettiva (mancato rispetto del limite della base imponibile e/o decadenza dall’agevolazione del beneficiario “principale”) e individuale (qualora i requisiti per l’accesso al regime non vengano rispettati dal singolo contribuente e/o in caso di estinzione del vincolo matrimoniale per divorzio o annullamento) dal beneficio.

Procedura per la richiesta del Regime

La richiesta di applicazione del regime fiscale di favore previsto dalla Legge Bechkam deve avvenire tramite presentazione del Modulo 149 alle autorità fiscali spagnole, corredato dalla documentazione di supporto che dimostri il possesso dei requisiti sopramenzionati.

La domanda deve essere presentata entro i primi sei mesi dalla data in cui l’individuo è registrato come dipendente presso l’Ufficio di Previdenza Sociale spagnolo (o dalla data di inizio della prestazione di servizi in Spagna in base al certificato di distacco previdenziale rilasciato dal Paese di origine). Una volta presentata la domanda, l’Ufficio delle imposte spagnolo è tenuto a comunicare il responso entro dieci giorni: in caso di esito positivo, viene rilasciato un apposito certificato che concede l’applicazione del regime speciale.

Questo articolo è stato redatto con il contributo di B Law & Tax International Tax & Legal Advisors https://www.blaw.es/

1 Il soprannome di questa norma deriva proprio dal famoso calciatore David Beckham, fra i primi ad avvalersi dei benefici della legge (Régimen Especial para Trabajadores Desplazados) nella sua prima formulazione (2005).

2 Il modello 149 è utilizzato per la comunicazione dell’opzione, della rinuncia, dell’esclusione o della fine dell’espatrio in Spagna, mentre il Modello 151 è per la dichiarazione dei redditi dei beneficiari di questo regime speciale.

Redazione ECA Italia
Redazione ECA ItaliaRedazione ECA Italia

Lascia un commento